martedì 26 febbraio 2008

Sparizioni/8

Mouse uscì sempre più claudicante dall'ufficio della dottoressa Candy. Arrivato all'ascensore schiacciò con una manata il bottone di chiamata ed ingoiò un paio di pillole di Vicodin. Non aveva un piano preciso ma sapeva dove voleva andare: al CED. Qualcosa gli sarebbe venuto in mente nel frattempo. Entrò nell'ascensore ma al momento di pigiare il tasto dell'attico si lasciò attrarre dalla scritta MENSA al piano terra e decise che qualsiasi cosa avesse fatto, gli sarebbe riuscita sicuramente in modo migliore a stomaco pieno.

Quando entrò nella grande sala, la fila arrivava fin quasi alla porta. Sbuffò, fece una smorfia e pensò di tornare indietro. Poi intravide la testa di Pickett ormai arrivato quasi alla fine del bancone del self-service.
- Ehi Pickett! - urlò, mentre l'amico riconosciuta la voce chinava la testa con un sorriso imbarazzato.
Mouse si fece largo zoppicando tra la folla ignorando le proteste di quelli che stava scavalcando nella fila, prese al volo un piatto fumante di bucatini dal ripiano del bancone, sgomitò ancora per qualche metro ed infine si affiancò a Pickett che ormai stava pagando.
- Ci aggiunga anche questo. - disse mostrando alla cassiera il piatto di pasta.
Pickett sospirò, pagò e con il suo vassoio andò a sedersi ad un tavolino, tallonato da Mouse traballante con il piatto in una mano ed il bastone nell'altra.
Non appena Pickett appoggiò il suo vassoio sul tavolo, Mouse gli rubò la forchetta, ma l'amico invece di arrabbiarsi, guardò sotto un piatto e ne tirò fuori un'altra.
- L'avevo presa per il dolce.
- Mpf - grugnì Mouse mentre masticava avidamente i suoi bucatini.
- Devi dirmi qualcosa o sei qui solo per infastidirmi.
- Parla tu, io devo pensare.
- Pensare a cosa?
- A dei file.
- Quelli che sono spariti?
- Corrono veloci le notizie qui dentro, eh?
- Devono essere parecchio importanti: la Candy è intrattabile, oggi.
- Solo oggi? Comunque no, al momento mi interesso di altri file.
Pickett rinunciò a capire e si concentrò sul suo pranzo.
- Ti ricordi ancora come violare una password?
Pickett per un momento rischiò di soffocarsi con un pezzo di arrosto.
- Ma dico: sei impazzito?!
- Eri tu l'hacker all'università.
- Shhh! Parla piano! - Si sporse sul tavolo verso Mouse senza accorgersi che la cravatta si stava inzuppando nel piatto: - Cosa ti salta in mente?
- Tranquillo, oramai il reato dovrebbe essere caduto in prescrizione.
- Ma quale reato?! Ascolta: io non so violare le password! Di nessun computer con nessun sistema operativo. Chiaro?
Mouse annuì e mentre Pickett si risedeva sulla sua sedia gli prese la fetta di crostata di fragole dal vassoio e se la mangiò in un solo boccone. L'amico scosse la testa e si guardò intorno a metà tra lo sconsolato ed il seccato.
- Veramente ottima!
- Sono lieto che ti sia piaciuta!
- Dev'essere stato ottimo anche l'arrosto.
- Peccato per te che l'abbia già mangiato tutto.
- Potrei sempre assaggiare la tua cravatta.
Mouse si alzò scostando rumorosamente la sedia, mentre Pickett imprecava sottovoce tentando di pulire con un tovagliolo la macchia sulla cravatta.

2 commenti:

Marco ha detto...

ahiahaiai... giusto 5 secondi fa cercavo Dr. Mouse su google sperando di trovare in testa il mio fumetto http://mtcomic.blogspot.com/search/label/Dr.%20Mouse
e invece mi imbatto nel tuo blog.. Ti giuro (anche se non mi conosci) che mi è venuto spontaneo chiamarlo Dr. Mouse (Informatical division) e che non sapevo minimamente che esistesse già.
E quindi considerando che sei molto più appassionato te di quanto non lo sono io.. Volevo sapere se ti seccava l'esistenza di un fumettino banale dallo stesso titolo... Aspetto notizie.
Ciao

Sandman ha detto...

No, non mi secca affatto, anche perché direi che sono cose piuttosto diverse... in ogni caso ti ho aggiunto tra miei link...